Per raggiungere un soddisfacente benessere sessuale è utile tenere conto di alcuni punti essenziali. Se da una parte è facile compilare un elenco di "buone" caratteristiche efficaci nel mantenimento del benessere sessuale, dall'altro è complicato prevedere il modo con cui un elenco viene "letto" dal singolo individuo ed elaborato.

La psicologia di un essere umano risente fortemente del processo di educazione e del tipo di ambiente dove l'individuo è immerso. Ciò che è permesso ad un gruppo di individui non è permesso ad altri, e il divieto può essere del tutto invisibile e assolutamente implicito, perché acquisito magari durante le migliaia di contatti relazionali che un bambino e un adulto hanno con i familiari e il gruppo sociale. Questa premessa serve a chiarire al lettore l'importanza delle differenze personali, che possono portarlo a reagire in modo differente rispetto ai "consigli" sul benessere sessuale. La sessualità infatti è una dimensione che unisce il dentro e il fuori, l'interiore con l'esteriore, e più di qualsiasi altro argomento, induce a "scoprire" le carte, e rivelarsi per ciò che si è.

Il continuo studio sulla sessualità umana, le osservazioni e le ricerche, portano ad una serie di convincimenti generalmente validi per la nostra cultura e su di essi poniamo i contenuti di questo elenco di "consigli", ideato per aiutare coloro che lo desiderino, nel raggiungimento, consolidamento e sviluppo del benessere sessuale.

Un ultimo chiarimento va offerto a coloro che verificassero l'impossibilità di provare benessere sessuale, nonostante l'impiego dei "consigli" qui espressi. Possono esservi condizioni di disagio psicologico e alcuni veri e propri disturbi psichici che interessano l'area della sessualità e della relazione. Richiedere di essere aiutati da uno psicologo per superare tali condizioni è un atto intelligente e, tutto sommato, può considerarsi un passo lungo il percorso che porterà al benessere, quel benessere che ogni individuo ha il diritto di provare.

Il benessere sessuale

1. La sessualità è uno dei possibili piaceri esperibili, pertanto va assegnato ad essa il giusto valore e non pretendere che da sola possa riequilibrare le carenze, i conflitti e le parti inespresse della personalità.

2. L'espressione della sessualità impiega primariamente (anche se non unicamente) la dimensione corporea, conoscere il proprio corpo è dunque indispensabile per migliorare l'espressione della sessualità.

3. Tra la dimensione assolutamente intima all'interno della mente di una persona e l'interazione fisica nella relazione con un partner si pone una zona intermedia dove, tramite le fantasie, il dialogo interiore e l'auto-osservazione una persona sperimenta la condizione di essere "partner" di se stesso. Il modo con cui si dà piacere e il modo con cui lo chiede a se stesso, coincide con l'aspettativa che avrà delle prestazioni del partner e sarà anche il modo con cui esprimerà le personali richieste. Darsi personalmente benessere sessuale, amarsi, sperimentare efficacemente questa zona interiore ma simile alla relazione, è un momento essenziale per acquisire capacità e sicurezze nell'espressione della sessualità.

4. L'intelligenza e la cultura possono costruire e veicolare canali di stimolazione aggiuntiva, in grado di arricchire le fantasie e di indirizzare il comportamento, tuttavia è sempre attraverso la partecipazione del corpo e dei suoi meccanismi (di sensibilità, di movimento, ecc.) che si esperisce piacere sessuale. Risulta quindi particolarmente vantaggioso, per il mantenimento del benessere sessuale, riuscire a tenere ben collegati i pensieri e le risposte corporee, cercando di non isolarsi in un mondo costituito di sole immagini o pensieri.

5. La sessualità richiede un sapiente gioco di tensioni e distensioni, chiusure e aperture. Lasciarsi andare, dopo aver innalzato la soglia del piacere produce una maggiore soddisfazione e i giochi erotici, i preliminari, servono proprio a questo scopo. La tensione di tutti i giorni, i sentimenti conflittuali in ambiti diversi, come il lavoro o lo studio, possono alterare la capacità di "sciogliersi" ed essere fluidi al piacere. Per ottenere il benessere sessuale è dunque consigliabile mantenere protetta la dimensione sessuale, facendo in modo che i momenti dell'amore e del piacere non vengano ostacolati da pensieri e tensioni croniche vissute negli altri momenti della giornata.

6. La sessualità silenziosa è poco soddisfacente. Esprimere con i suoni, con il rumore dei movimenti, con le parole che liberamente vengono durante il momento di piacere, è un'azione utile e aumenta il senso di completo abbandono all'amore e al piacere. E' dunque importante costruire spazi e circostanze in cui è possibile dare sfogo alla voce del proprio corpo e della mente, durante il piacere.

7. E' bene essere consapevoli dei momenti di sessualità che vengono decisi o ai quali ci si abbandona. Un vissuto di colpa, anche susseguente al momento amoroso, può rendere complessivamente nullo il senso di gratificazione e può inibire successivi approcci sessuali. I momenti di intimità e sessualità devono pertanto essere scelti riducendo al minimo i motivi che ostacolano o sconsigliano quei comportamenti.

8. L'equazione perversione uguale patologia è sbagliata sotto tanti punti di vista. Non è nel singolare modo di eccitarsi o di prodursi piacere l'eventuale patologia, bensì nell'uso esclusivo e dipendente, in modo tale da obbligare la persona ad una ricerca continua, ad un pensiero continuo e a non poter più apprezzare lo scambio relazionale nella forma più completa. Vanno quindi considerati la rigidità, i condizionamenti e la mancanza di esperienze sessuali positive, per valutare eventuali squilibri o carenze. Per il resto le fantasie, i giochi, le scoperte e varianti della sessualità possono solo procurare maggiori sensazioni e piacevoli momenti, a patto che i principi morali dei protagonisti siano rispettati e non vi siano forzature di alcun tipo.

9. L'approccio tradizionale fa leva sull'intraprendenza maschile e sulla serie di risposte femminili, nell'atto del corteggiamento, al fine di sperimentare piacere e poi benessere sessuale. La ricchezza della novità, il fascino della conquista e altre variabili possono essere il motore che alimenta l'impeto e rinnova il vigore degli amanti. Col tempo, dopo la conquista e i primi rapporti sessuali, il benessere sessuale va mantenuto attraverso una più profonda e sofisticata relazione sessuale, arricchendola di pratiche piacevoli, di fantasia e di improvvisazione. In questo contesto è essenziale che la donna prenda l'iniziativa con più frequenza rispetto ai momenti iniziali, senza che ciò venga vissuto come una "colpa" del maschio o un segno del suo progressivo disinteresse. La coppia, ormai affiatata, deve funzionare in modo reciproco e simmetrico, se vuole mantenere una qualità soddisfacente di benessere sessuale.

10. Una coppia che pretenda di bastare a se stessa semplicemente diminuisce i canali di stimolazione e si candida a crisi o rifiuti, anche di tipo sessuale. Senza entrare nel merito dei principi morali, la donna (o il maschio) che pretenda di diventare l'unico oggetto di eccitazione rispetto al partner semplicemente richiede una cosa impossibile. L'eccitazione, mentale, proviene dall'insieme degli stimoli ambientali e dai pensieri e fantasie che si possono scatenare di conseguenza. Il momento della stimolazione mentale non è necessariamente un evento che deve scatenarsi all'interno della relazione. Il momento delle fantasie e della stimolazione è ancora un momento quasi automatico e non deve avere la mannaia della censura morale, altrimenti il rischio è quello di inibire la capacità di fare fantasie, di reagire all'ambiente e di eccitarsi. Le stimolazioni provenienti dall'esterno e le fantasie che possono sollevarsi dall'interno non incidono necessariamente in modo diretto sui comportamenti ma semplicemente attivano la risposta psicofisica dell'individuo, quindi una persona può arricchirsi di tali contenuti e intrometterli, modificarli, convertirli e utilizzarli all'interno della propria relazione di coppia. L'uomo (come la donna) è libero di scegliere il modo personale di “attivarsi”, ma è bene che arrivi a scegliere con chi condividere il piacere portando con sé un ampio bagaglio di eccitazione, di ricchezza, di sfumature emotive e fantasie eccitanti.

11. Ogni persona ha un modo particolare di reagire agli stimoli sessuali e sicuramente nel tempo si formano preferenze e canali privilegiati. E' tuttavia importante ricordare che tutti i sensi possono essere fonte di stimolazione e quindi esercitarsi a sperimentare le reazioni del proprio corpo rispetto ai cinque sensi aiuta notevolmente per l'acquisizione della potenza sessuale, poiché amplia la possibile risposta eccitatoria. Conoscersi e conoscere le modalità sensoriali che aumentano il piacere nel proprio partner (il quale mostrandosi eccitato stimola la risposta positiva nell'altro) costituisce una risorsa notevole per il mantenimento del benessere sessuale.

12. L'informazione sessuale non è prettamente necessaria, se ci fermiamo a considerare la parte cosiddetta "animale" dell'essere umano. Egli infatti saprebbe avvicinarsi, corteggiare e avere un rapporto sessuale senza bisogno di preliminari conoscenze, questo è indubbio. La cultura ha prodotto, ed è altrettanto vero, una serie di aspettative, di stereotipi, di mode più o meno passeggere e una mole di informazioni medico-sanitarie riguardanti la sessualità e il funzionamento generale dell'organismo. Lo sviluppo dell'area dedicata al ragionamento e al pensiero pone in risalto il bisogno di "sapere" ancora prima dell'esperienza e l'abitudine, ormai, "ragionare" dopo. In questo senso offrire e ricevere le giuste e corrette informazioni sulla sessualità e sulle relazioni sentimentali può essere importante, perché può placare alcune ansie sociali e produrre un po' più di sicurezza in chi, preso da paure, si sente incapace o diverso. E' quindi consigliabile rivolgersi ad uno psicologo (forse meglio delle amicizie di turno che possono dare risposte o offrire modelli troppo personali per essere generalizzati) in grado di aiutare la persona nella costruzione delle informazioni efficaci e veritiere sulla sessualità e sulle relazioni sentimentali.

© Dr. Giuseppe Vadalà - 2004 - Il testo non può essere riprodotto né in parte né totalmente senza il consenso dell'autore